EVENTI

GIOVEDI' 15 MARZO 2018 Ore 20:30 c/o TENNIS CLUB PAVIA (PV)

TESTA

FISAR Pavia inaugura il nuovo ciclo di degustazioni “Gli Eroi del Vino” con la Ribeira Sacra.

Chiunque si trovi a passare, per qualsiasi ragione, per la Ribeira Sacra, non può resistere alla tentazione di conoscere e far conoscere questa incredibile realtà vitivinicola.

La Ribeira Sacra è una piccola zona della Galizia, l’ultima in ordine temporale di costituzione in termini di D.O.

In questo luogo la natura è apparentemente avversa, fatta di terreni duri (granitici e argillosi), di pendii tanto scoscesi da poter essere coltivati solo su terrazze da un solo filare, di appezzamenti minuscoli a strapiombo sui canyon del Sil e del Miño che ne delimitano i confini.

Uomini e donne abitano i leziosi villaggi medievali e producono meravigliosi vini ottenuti con vitigni autoctoni antichi, come antica è l’opera di vignaioli e di cantinieri che da secoli questi eroi del vino perpetrano con fierezza.

Coltivare, curare le viti e vendemmiare in Ribeira Sacra richiede capacità, impegno, professionalità e perfino equilibrio.  Da questa idea nasce, appunto, il ciclo di degustazioni “Gli eroi del vino”, che FISAR Pavia dedica alla viticultura eroica.

IMG 1714

Giovedì 15 marzo la Ribeira Sacra è stata protagonista della prima serata di questo ciclo. Insieme a noi, il sommelier galiziano Miguel Angel Lopez Couto, della delegazione di Milano Duomo, ci racconta storie autentiche di questa affascinante terra.

4

Si inizia con la sottozona di Amandi, degustando il Guimaro Godello 2016 di Bodega Adega Guimaro (Pedro Manuel Rodríguez Pérez). I terreni scistosi di questa sottozona generano vini dai mille profumi, rotondi ed eleganti e questo è proprio quello che troviamo in questo primo sorprendente bicchiere a base Godello, Treixadura e Doña Blanca.

IMG 1710

Proseguiamo con un altro vino bianco sempre a base ampelografica Godello, il Conasbrancas 2016 di Bodegas Fedellos do Couto della sottozona Valle del Bibei, caratterizzata da suoli di ghiaia e sabbia. Il bicchiere si presenta con un colore giallo paglierino brillante, finezza ed intensità al naso, che si ritrovano all’assaggio insieme ad una gradevole freschezza.

IMG 1718  Il terzo vino è il Castro Candaz Finca el Curvado 2015, prodotto nella sottozona Chantada da Raúl Pérez, acclamatissimo enologo galiziano da molti riconosciuto come uno dei più grandi dei nostri tempi. Si tratta di un vino rosso dal colore impenetrabile e profondo, tipico del vitigno Mencía. Al naso è complesso, fine e di grande personalità. Al palato è armonioso, pieno ed elegante.

IMG 1712 Passiamo quindi al A Raña 2015 di Neno da Ponte, sottozona Chantada. In questo bicchiere si ritrova tutta la tipicità della Ribeira Sacra, a partire dall’uvaggio composto da Mencía, Garnacha, Alicante Bouschet, Gran Negro, Godello. Anche in questo caso troviamo profumi intensi ed eleganti di amarena matura e di spezie fini: chiodo di garofano, pepe, cannella e anice stellato. In bocca è presente e forte; chiude con un tannino evidente ma vellutato e sinuoso.

IMG 1711Il quinto vino è Lalama 2013, di Dominio do Bibei (sottozona Quiriga-Bibei). La particolarità di questa cantina è l’assenza di acciaio a favore di tradizionali contenitori di legno. In questo bicchiere di Mencía il legno si sente, ma non invade e regala leggere note di caffè e cacao in armonia con i sentori fruttati del vitigno.

IMG 1717Chiudiamo in grande stile con il generoso Algueira Brancellao 2014 di Bodegas Algueira, prodotto nella sottozona Ribeiras do Sil. Le vigne in cui si coltiva il Brancellao con cui si produce questo vino hanno una pendenza che raggiunge l’85%, il che rende impossibile l'utilizzo macchine per la raccolta. Il colore è rosso rubino intenso; al naso presenta note minerali di ardesia, frutta rossa, sentori balsamici ed erbe aromatiche. In bocca è sorprendente, avvolgente e fine. Un ottimo modo per chiudere questa bella serata in compagnia degli amici di FISAR Pavia.

IMG 1673